Agendo secondo verità nella carità, cerchiamo di crescere in ogni cosa tendendo a lui, che è il capo, Cristo

L’Immacolata Concezione di Maria Santissima

L'Immacolata Concezione di Maria Santissima

Il dogma dell’Immacolata Concezione

Il dogma dell’Immacolata Concezione fu proclamato da papa Pio IX l’8 dicembre 1854 con la bolla Ineffabilis Deus, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento.

[…] dichiariamo, affermiamo e definiamo rivelata da Dio la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria fu preservata, per particolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, immune da ogni macchia di peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento, e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certa ed immutabile per tutti i fedeli.”

(Pio IX, Ineffabilis Deus)

Tale dogma non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria. Ogni essere umano nasce con il peccato originale e solo la Madre di Cristo ne fu esente. A Dio piacque preservarLa dal peccato originale affichè custodisse in grembo in modo degno e perfetto il Figlio divino fattosi uomo.

Due apparizioni mariane riconosciute dalla Chiesa sono considerate una conferma diretta del dogma.

Nel 1830 S. Catherine Labouré, novizia nel monastero parigino di Rue di Bac, fece coniare una medaglia (detta poi la Medaglia Miracolosa) che riportava le seguenti parole, da lei viste durante un’apparizione della vergine Maria (avvenuta il 27 novembre 1830): “O Maria, concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi”.

Nel 1858, quattro anni dopo la proclamazione del dogma, la veggente di Lourdes, S. Bernadette Soubirous, riferì che la Vergine si era presentata con le parole “Que soy era Immaculada Councepciou” (“Io sono l’Immacolata Concezione”, in lingua occitana).

Novena all'Immacolata Concezione

dal 29 novembre al 7 dicembre