Resistere all’inganno

Resistere all’inganno

Meditazione

Pubblichiamo l’audio di una meditazione di sabato 2 gennaio 2021

Predicatore: p. Giorgio Maria Faré, OCD

Ascolta la registrazione:

Per motivi di intenso traffico non ci è possibile rendere disponibile l’ascolto dei file audio direttamente dal nostro sito. Se hai dubbi su come fare, vai alle istruzioni per l’ascolto delle registrazioni.

Scarica il testo della meditazione  

RESISTERE ALL’INGANNO

Eccoci giunti a sabato 2 gennaio 2021 primo Sabato del mese, primo Sabato dell’anno, è molto importante quest’oggi vivere bene la nostra devozione al Cuore Immacolato di Maria con tutte le pratiche che questa devozione dei primi 5 sabati del mese richiede. Questa giornata la vogliamo dedicare tutta alla Vergine Maria e al Suo Cuore Immacolato, perché ci illumini e ci custodisca e ci protegga.

Questa prima Lettura che abbiamo ascoltato tratta dalla Prima Lettera di San Giovanni Apostolo, cap.II, vv 22-28 a cosa ci richiama?

Innanzitutto al riconoscere che Gesù è il Cristo, l’Unto, è il Consacrato del Signore per eccellenza, Gesù è il Figlio di Dio. Nel momento in cui si rinnega, si misconosce questo, si partecipa della logica dell’anticristo. L’anticristo è colui che nega il Cristo, e ci sono molti modi di negare che Gesù è il Cristo, primo fra tutti pensate al modo con il quale si tratta l’Eucarestia, è il modo con il quale possiamo capire se stiamo riconoscendo oppure no che Gesù è il Cristo.

“Quanto a voi, quello che avete udito da principio rimanga in voi.”

In noi deve rimanere ciò che sappiamo dall’inizio, le cose vere, e allora ci è promessa la Vita Eterna, a dispetto della morte eterna.

“Questo vi ho scritto riguardo a coloro che cercano di ingannarvi. E quanto a voi, l’unzione che avete ricevuto da lui rimane in voi e non avete bisogno che qualcuno vi istruisca. Ma, come la sua unzione vi insegna ogni cosa ed è veritiera e non mentisce, così voi rimanete in lui come essa vi ha istruito. E ora, figlioli, rimanete in lui.”

Siamo chiamati a rimanere nel Signore da una parte e dall’altra a resistere grazie all’unzione ricevuta, pensate al Battesimo, alla Cresima, per i Sacerdoti pensiamo al Sacerdozio, a chi ci vuole ingannare. Chiunque potrebbe svolgere questo compito ma noi abbiamo sempre una cartina tornasole, tutto ciò che ci fa andare contro Dio, contro la Legge di Dio, contro le Parole di Dio che abbiamo nella Scrittura, tutto questo è inganno. Bisogna essere molto attenti, dobbiamo informarci molto bene su ogni aspetto della nostra vita umana e spirituale, onde evitare di cadere nell’inganno. L’unzione non ci dà la scienza infusa, ma ci permette di sfruttare al meglio tutta quella verità che hai assimilato e di resistere all’inganno.

  • In nome di che cosa dobbiamo resistere all’inganno?

“Rimanete in lui, perché possiamo avere fiducia quando egli si manifesterà e non veniamo da lui svergognati alla sua venuta.”

Dobbiamo chiederci:

“Io compiendo questa scelta, questo passo, se tra dieci minuti arrivasse Gesù nella Gloria degli Angeli e dei Santi e chiamasse l’universo mondo a giudizio, io sarei apprezzato o svergognato? Sarei accolto o cacciato?”

Ci saranno sempre mille ragioni per non comportarci secondo la Volontà di Dio, ma non sono ragioni giuste, devono essere ragioni che affrontano il confronto con la Verità, e non è facile essere disponibili ad accettare di dover mettere in discussione ciò che a noi pare essere vero e giusto. Bisogna sempre mantenere questo atteggiamento di grande apertura, di grande disponibilità alla riflessione. Per qualcuno o per molti queste parole risulteranno oscure. Vi dico semplicemente di tenerle presente, non ha importanza a cosa io sto pensando in questo momento, a cosa mi sto riferendo in questo momento, quello che ha importanza è che queste riflessioni possano esservi utili in generale in ogni momento. Quando arriverà il momento giusto ve ne accorgerete, lo capirete da soli, e allora bisognerà metterli in pratica. Non accontentatevi mai dell’apparenza, del sentito dire, della chiacchiera, delle notizie facili, non accontentatevi mai dei riassuntini da cinquanta centesimi, la nostra vita è un insieme di scelte e vanno fatte con molta accuratezza, con molta cognizione di causa e ricordiamoci bene che nel dubbio è meglio attendere, è più prudente.

E la benedizione di Dio Onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo, discenda su di voi e con voi rimanga sempre. Amen.

Sia lodato Gesù Cristo. Sempre sia lodato.

Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno

PRIMA LETTURA (1Gv 2,22-28)
Quello che avete udito da principio rimanga in voi.

Figlioli, chi è il bugiardo se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L’anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio. Chiunque nega il Figlio, non possiede nemmeno il Padre; chi professa la sua fede nel Figlio possiede anche il Padre.
Quanto a voi, quello che avete udito da principio rimanga in voi. Se rimane in voi quello che avete udito da principio, anche voi rimarrete nel Figlio e nel Padre. E questa è la promessa che egli ci ha fatto: la vita eterna.
Questo vi ho scritto riguardo a coloro che cercano di ingannarvi. E quanto a voi, l’unzione che avete ricevuto da lui rimane in voi e non avete bisogno che qualcuno vi istruisca. Ma, come la sua unzione vi insegna ogni cosa ed è veritiera e non mentisce, così voi rimanete in lui come essa vi ha istruito.
E ora, figlioli, rimanete in lui, perché possiamo avere fiducia quando egli si manifesterà e non veniamo da lui svergognati alla sua venuta.