S.Caterina da Siena – La tentazione dell’impurità, la purezza, il libero arbitrio

S.Caterina da Siena - La tentazione dell’impurità, la purezza, il libero arbitrio

Una delle Sante più ammirevoli per sem­plicità e candore è Santa Caterina da Siena. Gesù l’amava con amore di predilezione, tanto che le diede la scienza infusa ed il do­no della profezia e dei miracoli; le appariva sovente e le parlava sino a dirle: Mi sei così cara, che qualunque grazia mi si chie­derà in tuo nome, l’accorderò.

Eppure Santa Caterina ebbe tentazioni straordinarie contro la purezza. La ribellione dei sensi e l’attrattiva al male erano in lei così prepotenti, da farla dubitare di essere in grazia di Dio. I demoni le si presenta­vano in forma di uomini e la spingevano al male.

Le tentazioni, sebbene fossero esteriori, pure penetravano attraverso i sensi nel cuo­re della vergine senese, tanto che, confes­sava lei stessa, il cuore ne era ripieno e non le rimaneva che la sola volontà supe­riore con cui resisteva.

Le tempeste impure si ripetevano, incal­zando sempre più.

Un giorno, essendole apparso Gesù, la Santa gli chiese: – Dove eravate, mio dolce Signore, quan­do il cuore mio era pieno di tante tenebre e di tanta sozzura?

– Figlia mia, io ero nel tuo cuore.

– E come mai abitavate nel mio cuore, in cui era tanto fango? Abitate dunque in simili luoghi?

– Dimmi: Quei sozzi pensieri del tuo cuore ti davano piacere o afflizione? Ama­rezza o diletto?

– Somma amarezza ed afflizione.

– E chi era che ti metteva in cuore tan­ta amarezza se non io, che stavo nascosto nel mezzo del tuo cuore? Credimi, o mia fi­glia, che se io non fossi stato presente, quei pensieri che attorniavano la tua volontà e potevano abbatterla, l’avrebbero certamente abbattuta e sarebbero entrati in essa. Il tuo libero arbitrio li avrebbe accolti con piace­re e perciò avrebbero ucciso l’anima tua; ma poiché io ero là dentro, mettevo nel tuo cuore quella ripugnanza e quella resistenza, con cui ti opponevi al male. Le tentazioni superate sono state per te di grande me­rito, utili ad altre anime ed hanno aumen­tato in te la virtù e la fortezza -.

Testo tratto da “Combattimento spirituale (Tentazioni) di Don Giuseppe  Tomaselli

S. Caterina da Siena

Don Giuseppe Tomaselli

Le tentazioni, combattimento spirituale

Don Giuseppe Tomaselli